L’inferno di Treblinka di Vasilij Grossman

by

La copertina del libro

di cletus

La lettura sta diventando una roba complicata, per me. Troppi libri da leggere, spunti, suggerimenti, piste personali. Alla fine, vagoni di libri da finire, da mesi.

Permeabile alle dritte degli amici devo a Martino Baldi l’infatuazione per Vasilij Grossman. Preso, approfittando dei robusti sconti di una maxi catena, il suo Vita e destino che vista la mole (1024 pagine) presumo sarà ultimato per la prossima estate, ho ripiegato come un bamba su un più agile volumetto edito sempre da Adelphi, che ho divorato stamattina, nel lasso di tempo occorrente ai tecnici dell’officina autorizzata, per capire di quali problemi sia affetta la centralina che governa la ventola del radiatore (va detto che la deprecabile abitudine di messaggiare nel traffico concorre graziosamente alle disfunzioni, collezionando piccoli, quanto ripetuti, micro tamponamenti con l’incauto veicolo che mi precede)..

 Anyway, se mai a fronte di insensate quanto fuzzy pratiche dell’attuale governo di Israele, il vostro baricentro esistenziale, si stesse decisamente orizzontando verso una malcelata quanto subdola forma di antisemitismo, la lettura di questo volume potrebbe, ve lo assicuro, rimettere le cose a posto.

Grossman, fra l’altro, ben se ne fregava di cosa ne sarebbe stato dello scacchiere del Mediterraneo, decenni dopo: ha scritto questo lungo “rapporto” ancora nel 1944. A quanto ho capito in veste di un suo ruolo, certo non di spicco, dell’Armata Rossa, incaricato di redigere un rapporto, che proprio a causa della sua completezza fu preso, diversi anni dopo, a sostegno dell’accusa, nel corredo di documenti messi agli atti nel processo di Norimberga alla gerarchia Nazista.

Perché ho trovato molto bello questo testo ? Presto detto, oltre che scritto benissimo, è l’oggetto di cui parla, il tono con cui lo fa, e infine la profonda e radicata sensazione di umanità che lo pervade.

Ci sono, come lascia intravedere il titolo, le efferatezze del regime. Un’analisi mai compiaciuta del dolore e dell’orrore che in quel campo segnalarono nell’ipotetica hit-parade della follia lucida del regime dittatoriale, una delle vette, per fortuna, ad oggi inarrivabili.

La sensazione è che, indipendentemente dal ruolo che rivestiva Grossman, la maniera con la quale ha guardato a quella tragedia risulti sganciata da qualsiasi preconcetto ideologico. E’ UN UOMO a parlare, indipendentemente dalla latitudine in cui è nato, e mai, ripeto, mai come in questo caso ho avvertito forte la capacità di dirsi ancora UOMO anche a fronte di tanta bestialità.

Un testo che mi rammarico non sia uscito prima, e non sia stato, ancora oggi, inserito d’imperio nei libri di testo per le scuole di ogni ordine e grado. Gli strumenti di comprensione, anche solo a scorrere voracemente le sue pagine, sono alla portata di tutti e leggerlo oggi, incalzati dai fatti di cronaca che ne ravvivano in qualche modo l’intensità, l’orrore risulta cauterizzato, ridotto a quello che è vano esercizio di soppressione, incapace però “come il sangue di cui è intrisa a tutt’oggi la terra intorno a Treblinka”, di rappresentare la fine della vita. Semmai la sua rinascita.

Adesso mi tocca Vita e destino. Ma intanto: che bravo !

trad. Zonghetti C.

pag. 79  Adelphi 2010

6,00 €.

Annunci

Tag: , ,

3 Risposte to “L’inferno di Treblinka di Vasilij Grossman”

  1. pessima Says:

    Vita e destino è impegnativo. A volte sembra di non farcela ad andare avanti, a ricordarsi tutti i personaggi. All’inizio mi ero fatta uno schema, poi mi sono lasciata prendere dalla bellezza dello scritto, dall’umanità dei personaggi, di tutti i personaggi che sfilano, si incrociano, parlano nel libro, un libro pieno di amore, da tutte le parti. Bellissimo, non se ne va più, dopo. Bellissimo, affrontalo, non te ne pentirai. Saluti.

  2. L'inferno di Treblinka di Vasilij Grossman « Bottega di lettura 2.0 Says:

    […] Prosegue Articolo Originale: L'inferno di Treblinka di Vasilij Grossman « Bottega di lettura 2.0 […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: