L’ultima conversazione (di Roberto Bolaňo)

by

la copertina del libro

di cletus

Mister Cassini l’aveva detto. Il guru di Minimumfax, nel lanciare la sub-collana SUR se l’era ripromesso: recuperare un antico modo di fare editoria. Coraggiosamente saltando la distribuzione, andando a proporre i testi direttamente nelle librerie. Provando a ri-tessere il filo che lega il concetto di proposta, tenendo la barra dritta sul concetto di qualità.

Veste editoriale curata, che con sussiego non manca di essere citata nei risvolti, qualità di carta assicurata da fornitori tedeschi (un pizzico più attenti di noi all’inquinamento e alla scelta di materiali rigorosamente “verdi”). Insomma, fatto l’involucro, tracciata la direzione è poi il caso di riempirla di contenuti.

Il primo di questi volumi, mi è capitato in mano da poco. Agile, circa 150 pagine, font leggibilissimo (anche senza occhiali). La materia “potente” racchiusa ? Una serie di interviste al “caso” editoriale più trendy del momento: Roberto Bolano che si racconta, abilmente interrogato da diversi “operatori” che di volta in volta lo costringono a mettersi a nudo.

Chi ricorrendo a domande “scomode”, chi nei dintorni della pura compiacenza, tutti bravissimi nel rendere un ritratto di uno scrittore che si impone per freschezza di sguardo sul variegato mondo delle lettere.

Per chi ne abbia letto delle pagine, nessuna sorpresa: l’uomo che si intuisce dietro alle sue pagine è sostanzialmente vicino, fedele al suo modo di scrivere, a quello che racconta a come lo racconta.

Ed è una festa assoluta. Battute fulminanti si alternano a considerazioni più che sensate sui temi che attraversano il panorama della letteratura contemporanea e non.

Giudizi taglienti, come dichiarazioni d’amore. Bolano prima che un grande scrittore è stato un grande lettore. Fulminante la sua risposta alla domanda di un’intervistatrice…”Cosa ha letto soprattutto ?”. E lui, candido…”Io tutto l’est, Rodrigo Fresan [suo grande amico] tutto l’occidente: quando ci incontriamo lui mi racconta le sue letture. Insieme, abbiamo letto tutto”…

Suggerisco, a chi fosse punto da vaghezza di volerlo iniziare a leggerlo non avendolo mai fatto prima, di partire da qui. Leggete chi è l’uomo, la sua vita, la sua visione del mondo, della letteratura, della poesia. Difficile ne possiate restare delusi: l’uomo che ha scritto alcune fra le pagine più belle, dotate in un prezioso equilibrio e della più tagliente asciuttezza, cosi come pervase di ironia, non è un bluff, uno dei tanti casi editoriali cui gli addetti ai lavori tributano lodi tanto enfatiche quanto effimere, pronte a spegnersi in una manciata di anni.
Siamo in presenza di un grande scrittore, della cui personalità abbiamo bisogno per continuare a guardare alla vita, oggi che non c’è più, con lo stesso entusiasmo per la vita, la capacità di irridere sempre con semplicità, senza alcuna spocchia, dei tic e delle tante falsità che agitano un mondo (quello letterario) percorso da ansie di protagonismo, palloni gonfiati, rare ed indiscutibili perle.

Quelle che il Bolano de l’Ultima intervista, regala al lettore a mani piene.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: